MENU

Il coro n. S. di Fatima - Santuario N. S. di Fatima

Il coro n. S. di Fatima

Quando l'uomo loda Dio, la sola parola non basta. La parola rivolta a Dio supera i limiti del parlare umano. Per questo, la parola, per sua natura, ha sempre chiamato in aiuto la musica, il cantare e le voci del creato nel suono degli strumenti. Il culto divino, infatti, non è prerogativa dell'uomo; è un far coro con ciò di cui tutte le cose parlano.

D'altronde, la Chiesa canta fin dai tempi di Gesù e degli apostoli, che hanno partecipato al canto nella sinagoga e lo hanno portato con sé nella Chiesa.
Una testimonianza illuminante ci viene dalla decisione di Sant'Agostino di convertirsi. Egli descrive nelle Confessioni il momento in cui entrò in lui la risoluzione di aderire al cristianesimo: il vedere il Vescovo Sant'Ambrogio e i fedeli della sua Chiesa milanese che pregavano e cantavano, compatti come un solo corpo.
E scriverà Sant'Ambrogio, commentando il cantare dei fedeli: "Le loro salmodie rivaleggiano col mormorare dell'onde che sciabordano lievemente. Che cos'è il canto del mare, se non un'eco dei canti dei canti dell'assemblea cristiana? Mentre il popolo prega tutto insieme, scroscia come il riflusso di onde spumeggianti, quando il canto degli uomini, delle donne, delle vergini, dei ragazzi fa eco ai responsori dei salmi come l'armonioso fragore dell'onde".
La musica sacra, il canto liturgico permette proprio di percepire la santità di Dio, in modo da "stendere" un ponte che consente alle persone di far incontrare il loro desiderio di Dio col desiderio di conformare la loro vita alla Sua.

Per questo in Santuario esiste una corale: per far elevare i cuori e le menti verso Dio. Essa è composta di uomini e donne, bambini e adulti, che fanno vera musica, che cercano di far partecipare sempre più attivamente l'assemblea che prega e canta, senza compromettere la dignità della liturgia. Il coro non sta di fronte ad una Comunità in ascolto, che guarda, ma è esso stesso parte della comunità.

Il coro del Santuario, nel rispetto della Tradizione liturgica della Chiesa, anima tutte le liturgie: dalle Celebrazioni Eucaristiche domenicali, al Primo sabato del mese; dalle celebrazioni in onore di N. S. di Fatima, i 13 da maggio ad ottobre, alle Veglie di preghiera.

La Regola di san Benedetto afferma chiaramente: «Consideriamo, perciò, come dovremmo comportarci alla presenza di Dio e dei suoi angeli e manteniamoci in forma tale che le nostre menti siano in accordo con le nostre voci».

CALENDARIO EVENTI

Prossimi eventi

Incontri mensili per i collaboratori - Ostuni
Opera Nostra Signora di Fatima in Ostuni

Missa e Adoração
oração de reparação e intercessão

DONA ORA

Con una piccola donazione puoi riaccendere la speranza di uomini, donne e bambini in Brasile e, anche in Italia...

Dona alla fondazione

La Rivista ufficiale della
Famiglia del Cuore Immacolato di Maria

ABBONATI ALLA RIVISTA |

NEWSLETTER

La newsletter è uno strumento per rimanere sempre in contatto con noi e per essere sempre aggiornati sulle principali attività della Famiglia del Cuore Immacolato di Maria. Iscrivendoti riceverai gratuitamente notizie brevi, links ad articoli.

Pillole di SpiritualiTà

Coltiva l'intimità con lo Spirito Santo — il Grande Sconosciuto — perché è Lui che ti deve santificare. (San Josemaría Escrivá)