MENU

NEWS

“Tu, almeno, cerca di consolarmi”

I primi sabati del mese

di p. Raffaele Montano icms

«Guarda, figlia mia, il Mio Cuore coronato di spine che gli uomini ingrati a ogni momento Mi conficcano, con bestemmie e ingratitudini. Tu, almeno, cerca di consolarMi, e di’ che tutti quelli che per cinque mesi, nel primo sabato, si confesseranno ricevendo poi la santa Comunione, diranno un rosario, e Mi faranno 15 minuti di compagnia meditando sui 15 misteri del rosario, coll’intenzione di darMi sollievo, Io prometto di assisterli, nell’ora della morte, con tutte le grazie necessarie alla salvezza di queste anime».

Credo che tutta la spiritualità dei Primi Cinque Sabati del Mese sia sinteticamente tutta rappresentata in queste parole che la Madonna ha detto a suor Lucia in un’apparizione del 10 Dicembre 1925.

Infatti, non dobbiamo pensare a questa pratica come ad un fatto magico: uno fa la pratica dei primi cinque sabati e poi per tutto il resto della vita se ne sta lontano da Dio con la garanzia della salvezza eterna. Invece, Maria, come buona Madre, con questa pratica vuole introdurci un ad certo stile di vita: il desiderio di Dio.

Prima di tutto la Madonna invita a vivere in grazia e libertà l’atto più alto, più importante della nostra fede cristiana: la partecipazione alla Messa con la Santa Comunione.

Poi, di coltivare con Lei una relazione viva e vera attraverso il Rosario pregato in sua compagnia: desiderare cioè di rimanere con Lei. “È bello per noi stare qui” (Mt 17, 4).

Come praticare la devozione dei primi cinque sabati del mese?

1) Confessarsi, entro gli otto giorni precedenti, con l’intenzione di riparare le offese fatte al Cuore Immacolato di Maria. Se durante la Confessione si dimentica di formulare tale intenzione, si può esprimerla nella Confessione seguente;

2) Ricevere la Comunione, in grazia di Dio, con la stessa intenzione della Confessione;

3) La Comunione deve essere ricevuta nel primo sabato del mese;

4) La Confessione e la Comunione devono ripetersi per cinque mesi consecutivi, senza interruzione, altrimenti si deve ricominciare da capo;

5) Recitare il Rosario, almeno 5 misteri, con la stessa intenzione della Confessione;

6) Fare compagnia alla Madonna per un quarto d’ora, meditando sui misteri del Rosario. Questo può avvenire meditando un brano della Scrittura o i misteri del Santo Rosario. Suor Lucia di Fatima era solita meditare un mistero del Rosario per 15 minuti alla fine della sua preghiera. Questa meditazione è in aggiunta alla quotidiana recita del Santo Rosario.

Perché cinque sabati?

Un confessore di Lucia le chiese il perché del numero cinque. Lei lo chiese a Gesù, il quale le rispose: “Si tratta di riparare le cinque offese dirette al Cuore Immacolato di Maria. 

  • Le bestemmie contro la sua Immacolata Concezione.
  • Contro la sua Verginità.
  • Contro la sua Maternità divina e il rifiuto di riconoscerla come Madre degli uomini.
  • L’opera di coloro che pubblicamente infondono nel cuore dei piccoli l’indifferenza, il disprezzo e perfino l’odio contro questa Madre Immacolata.
  • L’opera di coloro che la offendono direttamente nelle sue immagini sacre. (29 Maggio 1930)

 

in Evidenza

Il Signore ci chiama a cose grandi!
Una "missione" a difesa della vita

La confidente del Cuore Immacolato
Suor Maria Lucia di Gesù: l’ultima dei pastorelli a lasciare questo mondo

La spiritualità di Santa Giacinta di Fatima
“La trovai con la stessa gioia di soffrire”

CALENDARIO EVENTI

Area donazioni

L'Opera Nostra Signora di Fatima nata per la generosità di chi ha donato tutto per la maggior Gloria di Dio, si sostiene con il contributo libero di quanti devolvono a suo favore offerte. Chi volesse contribuire può farlo in vari modi:

Aiuta l'opera |

DONA ORA

Con una piccola donazione puoi riaccendere la speranza di uomini, donne e bambini in Brasile e, anche in Italia...

Dona alla fondazione

La Rivista ufficiale della
Famiglia del Cuore Immacolato di Maria

ABBONATI ALLA RIVISTA |

NEWSLETTER

La newsletter è uno strumento per rimanere sempre in contatto con noi e per essere sempre aggiornati sulle principali attività della Famiglia del Cuore Immacolato di Maria. Iscrivendoti riceverai gratuitamente notizie brevi, links ad articoli.

Pillole di SpiritualiTà

O sappiamo trovare il Signore nella nostra vita ordinaria, o non lo troveremo mai. (San Josemaría Escrivà)